Stampa

Charlize Theron

Scritto da Leonela Lopez Hernandez

Charlize Theron

Charlize Theron nasce in una fattoria in Sudafrica, esattamente a Benoni il 7 agosto del 1975, dal padre Charles e dalla madre Gerda Theron.

I genitori erano proprietari di molti terreni e di una grossa impresa di costruzioni stradali, di conseguenza la figlia viene lasciata, per problemi di lavoro da parte dei genitori, spesso sola nel podere di famiglia. La carriera artistica di Charlize comincia a sei anni, quando inizia a prendere lezioni di danza.

A tredici anni viene iscritta in un collegio di Johannesburg dove ha modo di poter raffinare le sue doti di ballerina.
La situazione in famiglia non è serena: il padre è violento e alcoolizzato. La madre, Gerda  di origini germaniche, nel 1991, dopo aver sopportato per anni abusi e violenze da parte del marito, lo uccide davanti agli occhi della figlia. In quell’anno, dopo la morte del padre, Charlize vince un concorso per modelle e si vede offrire la possibilità di cominciare a sfilare. Parte per Milano e inizia a lavorare per un anno come modella: ben presto si accorge che desidera avere altre opportunità e intuisce che quel lavoro di stare sulle passerelle non le basta.

Così, dopo aver riprovato il ritorno alla danza, fallito per una lussazione al ginocchio, e qualche ruolo come comparsa ad Hollywood, viene notata da un agente cinematografico che la convoca nel suo studio. Ed è proprio in quel periodo che comincia la sua carriera cinematografica: debutta nel 1995 con “Children of the corn “ e, subito dopo, nel 1996, con “Due giorni senza respiro”. Nel frattempo studia e approfondisce la tecnica di recitazione e solo un anno dopo, la sua carriera di attrice, decolla con la partecipazione a “L’avvocato del diavolo”, accanto ad Al Pacino, e “Keanu Reeves” nel 1997.

Nel 1998 appare in “Celebrity” di Woody Allen e nel 1999 è protagonista di “The astronaut’s wife”, in cui fa la parte della moglie di Johnn Deep, ed ha anche partecipato a “Le regole della casa del sidro”, tra l’altro pluri-nominato all’oscar 2002. L’abbiamo vista anche a “Amici… di letti”, “La maledizione dello scorpione di Giada” e “15 minuti-follia omicida a New York”.

Charlize Theron non si accontenta solo di recitare e riesce ad inserirsi anche nell’ambito manageriale sviluppando e producendo film come “Tutta colpa dell’amore” e “ Monster”, con quest’ultimo ha vinto la statuetta come “miglior attrice protagonista nell’edizione degli oscar 2004”.