Stampa

Shakira: artista con cuore umile e umano

Scritto da Leonela Lopez Hernandez

ShakiraShakira, grande artista, cantante, ballerina e compositrice Colombiana, che da piccola con la sua dedizione e costanza, ha iniziato a costruire la sua carriera di cantautrice,  e che con il passare del tempo è diventata una figura internazionale. Isabel Mebarak Ripoll, più semplicemente conosciuta come Shakira, nasce il 2 febbraio 1977 a Barranquilla (Colombia) da padre libanese (William Mebarak Chadid) e madre colombiana (Nidia del Carmen Ripoll Torrado). Muove i primi passi nel campo della musica scrivendo a otto anni la sua prima canzone guadagnandosi la fama di bambina prodigio, a tredici anni stipula il suo primo contratto con la Sony Music Colombia pubblicando il primo album intitolato "Magia".

Dopo essersi diplomata decide di dedicarsi interamente alla musica. Con l'album "Pies descalzos" raggiunge una straordinaria popolarità in America Latina, Brasile e Spagna: la sua carriera diventa inarrestabile proiettandola nell'empireo dei big della musica pop mondiale, fino alla consacrazione con il brano sigla dei mondiali di calcio "Waka Waka".

È da ammirare la sua professionalità, ma anche il lavoro il lavoro che sta facendo con i bimbi grazie alla sua associazione “Pies Descalzos”, l’associazione venne istituita quando shakera aveva solo 18 anni, fortemente spinta dall’ambizione di sostenere moralmente ed economicamente i suoi conterranei i quali vivono di strema povertà.
Anche A.L.A.S un’altra associazione che si occupa dei bambini poveri latinoamerica affrendo una miglior possibilità di vita e istruzione.
Dopo il successo del suo album “Waka Waka”, pubblica proprio nella sua terra di origine, il suo primo racconto per bambini ispirato alle avventure scolastiche di Dora Explorer.

Durante un dibattito ha detto che “La musica è un dono”, sostenendo che il file sharing è “la democratizzazione della musica”: lo scrittore brasiliano Paulo Coelho ha condiviso il suo pensiero insieme alla statunitense Norah Jones che ha affermato come sia “stupendo che tanti giovani poveri possano ascoltare musica".