News dal mondo

Stampa
PDF

Pino Daniele

Scritto da Direzione

Era nato a Napoli il 19 marzo del 1955.

Ha inventato un suono nuovo per la canzone napoletana. 
Pino per tutti, ma per l'anagrafe Giuseppe, sale alla ribalta nel 1977 con "Terra mia": il brano che apre il disco, 'Napule' che diventa una sorta di manifesto delle speranze di una generazione.

Nel 1979 dilaga con "Je so' pazzo, e nun nce scassate 'o cazzo" dove sonorità blues, rock, jazz si mescolavano ai temi della tradizione napoletana. É la sua consacrazione: da lì un carriera lunga che lo vede collaborare con artisti del calibro di Yellow Jackets, Mike Manieri, Danilo Rea, Mel Collins, Pat Metheny, Chick Korea.

É mancato il 4 gennaio sera, nella sua casa in Toscana ad Orbetello per un infarto.

"Je so' pazzo, je so' pazzo 
e vogl'essere chi vogl'io ascite fore d'a casa mia. 
Je so' pazzo je so' pazzo 
c'ho il popolo che mi 
aspetta e scusate vado di fretta 
non mi date sempre ragione 
io lo so che sono un errore 
nella vita voglio vivere 
almeno un giorno da leone 
e lo Stato questa volta 
non mi deve condannare 
pecché so' pazzo, je so' pazzo 
ed oggi voglio parlare. 
Je so' pazzo, je so' pazzo 
si se 'ntosta 'a nervatura 
metto tutti 'nfaccia 'o muro. 
Je so' pazzo, je so' pazzo e 
chi dice che Masaniello 
poi negro non sia più bello? 
E non sono menomato 
sono pure diplomato 
e la faccia nera l'ho dipinta 
per essere notato. 
Masaniello è crisciuto 
Masaniello è turnato. 
Je so' pazzo, je so' pazzo 
nun nce scassate 'o cazzo!"
(Pino Daniele)

Share