Stampa

Rettifica richiesta dalla Chiesa di Scientology di Torino

Scritto da Mario Restagno

Pubblichiamo la seguente richiesta ricevuta dal responsabile delle Relazioni Esterne della Chiesa di Scientology di Torino.

Spettabile redazione de Il Corriere delle SfaMuse,
con riferimento a quanto pubblicato nella pagina della Vostra rivista online, intitolata "Scientology a Torino", chiediamo di poter usufruire del diritto di replica informando che tutte le accuse derivanti dall'articolo de La Stampa dal quale poi si trae spunto, si sono rivelate infondate. Si veda l'articolo che lo stesso quotidiano La Stampa ha pubblicato recentemente:

http://archivio.lastampa.it/LaStampaArchivio/main/History/tmpl_viewObj.jsp?objid=11821574

Restando a disposizione per ogni ulteriore chiarimento in merito, colgo l'occasione per porgere i più cordiali saluti.
Giuseppe Cicogna
Chiesa di Scientology di Torino

Come ho avuto modo di illustrare al signor Cicogna, Il Corriere delle SFAmuse è una rivista online che documenta l'attività didattica della SFA, una scuola di arte scenica.
Se non avessi incontrato sulla mia strada la Chiesa di Scientology, certamente non sarei andato io a cercarla: non è oggetto del nostro studio.
Ma succede che a Torino, in una sedicente scuola professionale di arti sceniche, certamente travisando il pensiero del fondatore R. Hubbard, i dirigenti utilizzino "Dianetics" come strumento educativo alle arti invitando gli allievi all'acquisto del volume e proiettando video sulla religione.
Forse si tratta solo di eccessivo entusiamo per la fede, ma comprendete che risulta un po' strano strano, o no?
Certamente se all'ingresso del centro ci fosse scritto "Chiesa di Scientology", per carità, nulla da obiettare, chi entra sa quello che trova.
Ma se io entro per studiare recitazione la cosa è diversa, ovviamente, tanto più se poi i risultati tecnico/artistici siano discutibili.
Che Tom Cruise o John Travolta siano bravi attori, non lo metto in dubbio, ma che lo siano diventati studiando Dianetics, abbiate pazienza questo lo escludo.
Potrei sbagliare, ma personalmente, se sto entrando in una chiesa, in una parrocchia, in un oratorio, ma anche in un ospedale, in un supermercato o un cimitero vorrei saperlo prima, o sbaglio?
Se non mi interessa acquistare il pane non entro in panetteria.
Perché dovrei entrare in una Chiesa per studiare danza?

Ben venga che le accuse mosse alla Chiesa di Scientology siano decadute, ma continuo a non accettare le invasioni di campo, fosse anche Tom Cruise in persona che viene a insegnare recitazione.
E per la terapia della psiche e del corpo ritengo assolutamente più affidabili uno psicologo o un medico, anche sgangherati, perché credo nella battaglia iniziata da Galileo Galileo ormai 400 anni fa.
Non è compito della Fede "dire come è fatto il cielo".
E in tempi in cui le arti sceniche sono svilite quotidianamente da squallidi spettacoli sotto gli occhi di tutti, non è proprio il caso di peggiorare la situazione con gente che si improvvisa ad insegnare danza, canto e recitazione mischiando "personali idee o fedi": solo restituendo un valore scientifico alle arti ci libereremo da porci e sfruttatori.

"Purtroppo spesso si approfitta della nostra parte per scopi completamente estranei! Tu per mostrare la tua bellezza, altri per raggiungere la popolarità, il successo esteriore, per far carriera. Ricordate bene quello che sto per dirvi. Il teatro proprio perché è pubblico, da una parte sostiene un'importante missione sociale, dall'altra rappresenta un forte stimolo per chiunque voglia servirsene per farsi una carriera. Questa gente approfitta dell'ottusità degli uni e del cattivo gusto degli altri. Gli sfruttatori sono i peggiori nemici dell'arte."
(K. S. Stanislavskij)

Questo è il sistema Stanislavskij, un sistema che ha dato dignità agli artisti della scena e a chi quest'arte la insegna.
Se un libro va venduto in una scuola, questo si intitola "Il lavoro dell'attore su se stesso".

Per approfondire

Scienza e Fede
È possibile il dialogo tra scienza e religione? Due illustri paladini del pensiero scientifico discutono su come, e se, gli scienziati dovrebbero rivolgersi ai credenti.

Galileo tra scienza e fede
Le Sacre Scritture ci insegnano come si va in cielo non come è fatto il cielo!

Stanislavskij maestro