Spettacolo

Stampa
PDF

Lo Schiaccianoci e la magia del Natale

Scritto da Martina Zanarella

schiaccianoci“Lo Schiaccianoci” è il più classico dei balletti natalizi, e come ogni anno la compagnia Classique di Mosca l’ha portato a Padova per Natale.

La compagnia diretta da Elik Melikov ha riproposto l’ultima opera di Marius Petipa, storico ballerino e coreografo francese del Balletto Imperiale di San Pietroburgo.
Il balletto con le musiche di Peter Il’ic Cajkovskij porta in scena il racconto di Hoffman “Lo schiaccianoci e il re dei topi” una favola che sta a rappresentare il passaggio dalla fanciullezza all’adolescenza.
È la notte di Natale e l’ingegnoso padrino della protagonista Clara regala a tutti i fanciulli un giocattolo da lui costruito. Clara riceve uno schiaccianoci. Si addormenta e a mezzanotte fa un sogno, sogna di essere attaccata dal re dei topi, e di essere salvata dallo schiaccianoci diventato un bellissimo principe. I due intraprendono un viaggio nel regno dei dolci dove avviene il magnifico pas de Deux dello Schiaccianoci con la regina dei fiori e il famosissimo valzer dei fiori. 
Caratteristica di questa messa in scena sono i costumi e le scenografie, colorati e vivaci, che danno ancor più leggerezza ad un opera che fa tornare tutti un po’ bambini. Non tutti i ballerini si sono mostrati all’altezza di uno dei balletti più complessi e affascinanti di tutti i tempi, formidabili però il vari Pas de Deux degli interpreti dei balli dei vari paesi del mondo nel secondo atto, che si sono susseguiti in un ammirevole performance di virtuosismi. 
Non sono mancati i colpi di scena come la caduta di uno dei ballerini prontamente perdonato però dal pubblico che lo ha ripetutamente incoraggiato con un caloroso applauso poichè consapevole dell’estrema difficoltà del pezzo. 
Ancora una volta a colpire è la grande bravura e disciplina degli artisti che immolano la loro vita per l’Arte regalandoci, con una dolce fiaba, degli attimi di gioia, sentimento che non poterebbe essere più apprezzato in un periodo magico come quello di Natale.

 

 

 

 

 

Share