Teatro

Stampa
PDF

Come vi piace

Scritto da Direzione

As you like itL'azione si svolge in Francia. Federigo ha usurpato il ducato ed esiliato suo fratello maggiore, il Duca legittimo. Alla figlia del duca, Rosalinda, è stato permesso di rimanere a corte perché ella è cugina e migliore amica dell'unica figlia di Federigo, Celia. Orlando, è maltrattato dal fratello maggiore Oliviero, al punto tale che quest'ultimo ordisce un combattimento contro un campione di lotta in cui il fratello minore dovrebbe trovare la morte. Orlando, poco prima del combattimento incontra Rosalind: tra i due è amore a prima vista, inconfessato. Orlando vince, ma su suggerimento di un servo, che gli svela il progetto del fratello, è costretto a rifugiarsi nella foresta di Arden. Nello stesso tempo Federigo si arrabbia con Rosalinda e la bandisce dalla corte. Celia e Rosalinda decidono allora di fuggire insieme, accompagnate dal giullare Pietraccia. Durante la fuga Rosalinda si traveste da uomo, dandosi il nome di Ganimede ("Il paggio di Giove"), mentre Celia si fa chiamare Aliena (la parola latina per "straniera").

I tre arrivano nella idilliaca Foresta di Arden, dove ora vive il Duca esiliato, circondato da alcuni suoi sostenitori, tra i quali c'è il melanconico Jaques, innamorato di Aldrina. "Ganimede" ed "Aliena" non incontrano immediatamente il Duca ed i suoi compagni, poiché prima incappano in Corino, un affittuario impoverito, e si offrono di comprare la capanna cadente del suo padrone. Frattanto, Orlando ed il suo servo Adamo, trovano il Duca ed i suoi uomini e presto decidono di unirsi a loro. Rosalind, travestita da Ganimede, incontra Orlando nella foresta e per consolarlo dal mal d'amore si offre di prendere il posto di Rosalind in modo che lui e Orlando possano recitare la loro relazione. Nello stesso momento, Febe, una pastorella della quale è innamorato Silvio, si è innamorata di Ganimede (alias Rosalinda), anche se "Ganimede" le dimostra continuamente di non essere interessato a lei. Inoltre, il cinico Pietraccia si è proposto alla poco arguta Aldrina e cerca di sposarla prima che i suoi piani siano rovinati da Jaques. Orlando vede Oliviero nella foresta e lo salva da una leonessa, atto che fa pentire Oliviero per aver trattato male Orlando.
Infine, Silvio, Febe, Ganimede ed Orlando si ritrovano a litigare su chi sposerà chi. Ganimede dice di poter risolvere il problema, facendo promettere ad Orlando di sposare Rosalinda e a Febe di sposare Silvio se non potrà sposare Ganimede. Il giorno dopo, alla presenza del Duca, Ganimede rivela la sua vera identità. Febe, dopo aver scoperto che l'oggetto del suo amore non è ciò che pensava, si lega a Silvio. Oliviero incontra Aliena (che è, in realtà, Celia) innamorandosi di lei, e i due decidono di sposarsi. Orlando e Rosalinda, Oliviero e Celia, Silvio e Febe, e Pietraccia e Aldrina si sposano tutti insieme nella scena finale, e subito dopo scoprono che anche Federigo si è pentito delle sue colpe, decidendo di ridare il trono al fratello ed adottare uno stile di vita religioso. Jaques, sempre melanconico, decide di seguire l'esempio di Federigo e di dedicare la sua vita alla religione.

Rappresentazioni in Italia
Giugno 1938, nel giardino di Boboli al Maggio Fiorentino, regia di Jacques Copeau, protagonista Rossana Masi.
Novembre 1948, regia di Luchino Visconti con scene, costumi e luci di Salvador Dalì, protagonista Rina Morelli in un cast di 52 attori tra cui R. Ruggeri, V. Gassman, P. Stoppa, V. Gioi, G. Ferzetti.

Scene da ricordare
Atto II scena settima, monologo di Jacques
"Tutto il mondo è un palcoscenico,
e gli uomini e le donne sono soltanto attori. Hanno le loro uscite come le loro entrate,
e nella vita ognuno recita molte parti,
ed i suoi atti sono sette età.
 Prima, l'infante che miagola e vomita
in braccio alla nutrice. Lo scolaro
 poi, piagnucoloso, la sua brava cartella, la faccia rilucente nel mattino,
che assai malvolentieri striscia verso la scuola
a passo di lumaca. E poi l'innamorato,
che ti sospira come una fornace,
e in tasca una ballata tutta lacrime
sopra le ciglia della sua adorata. Poi, un soldato, armato dei moccoli più strambi,
 un leopardo baffuto geloso dell'onore,
lesto di mano, pronto a veder rosso,
che va a cercar la bubbola della reputazione
 persino sulla bocca d'un obice. E poi il giudice,
con un bel ventre tondo, farcito di capponi,
occhio severo, barba ritagliata
a regola d'arte, gonfio di sentenze
e di luoghi comuni: e in questo modo
recita la sua parte. L'età sesta
ti muta l'uomo in magro pantalone
in ciabatte, le lenti al naso, la borsa
sul fianco, e quelle braghe usate da ragazzo,
ben tenute ma ormai spaziose come il mondo
per i suoi stinchi rattrappiti, e il suo
vocione da maschiaccio che ridiventa
un falsetto infantile, un suono fesso
e fischiante. L'ultima scena infine,
a chiuder questa storia strana, piena di eventi,
è la seconda infanzia, il mero oblio,
senza denti, senz'occhi o gusto, senza niente."

Personaggi
ORLANDO, figlio di Sir Rowland de Boys

ROSALINDA, figlia del vecchio Duca

CELIA, figlia del Duca Frederick

OLIVER, figlio di Sir Rowland de Boys
IL DUCA FREDERICK, suo fratello e usurpatore dei suoi domini

CHARLES, il lottatore del Duca Frederick

LE BEAU, cortigiano al seguito di Frederick

TOUCHSTONE, Buffone alla corte del Duca

JAQUES, figlio di Sir Rowland de Boys

DENNIS, servitore di Oliver

ADAM, servitore di Oliver

IL VECCHIO DUCA, in esilio

AMIENS, gentiluomo al seguito del duca esiliato

JAQUES, gentiluomo al seguito del duca esiliato

CORIN, pastore nella Foresta di Arden

SILVIO, pastore nella Foresta di Arden

WILLIAM, un contadino

SIR OLIVER MARTEXT, parroco  di campagna

FEBE, una pastorella

AUDREY, pastora di capre

Signori al seguito dei Duchi, paggi e altri del loro seguito

Copione

Come vi piace

 

Share