Teatro

Stampa
PDF

Rent: l'opera diventa rock

Scritto da Giulia Berto

RentDalla Parigi del 1830 la vita di un gruppo di giovani artisti fa un salto di 160 anni per approdare a New York. Si tratta del musical Rent che trae le sua ispirazione dell’opera di Puccini “La Bohème”, che andò in scena per la prima volta il primo febbraio 1896 al Teatro Regio di Torino, esattamente 100 anni prima della prima messa in scena di Rent. Nel 1988, il drammaturgo Billy Aronson voleva creare un musical basato sull’opera pucciniana, nel quale il lussuoso splendore del mondo di Puccini sarebbe stato rimpiazzato dalla frenetica e rozza New York dei giorni nostri. Nel 1989 Jonathan Larson, un compositore ventinovenne, iniziò a collaborare con Aronson su questo progetto. Nel 1991, Larson chiese ad Aronson se poteva utilizzare la sua idea originale e rendere "Rent" un'opera propria. Larson si mise dunque al lavoro trovando grande fonte di ispirazione, per i nomi e le identità dei suoi personaggi, proprio nella Bohème Pucciniana apportando alcune modifiche, ad esempio se nella Bohème la piaga che affliggeva alcuni dei protagonisti era la tubercolosi, Larson la rimpiazza con l’AIDS in Rent; i protagonisti poi mantengono alcuni dei nomi originari tradotti in inglese e attualizzati:

- Mimi, una ragazza con la tubercolosi diventa Mimi Márquez, una ballerina sadomaso tossicodipendente con l’AIDS
- Rodolfo, un poeta, nel musical è Roger Davis, un cantautore positivo all'HIV
- Marcello, un pittore, muta in Mark Cohen, un regista indipendente e coinquilino di Roger, colui che narra la storia
- Musetta, una cantante Maureen Johnson, un'attrice bisessuale;
- Alcindoro consigliere di stato si trasforma nello show in Joanne Jefferson, un avvocato di buona famiglia e lesbica fidanzata con Maureen;
- Schaunard, un musicista, diventa Angel Dumott Schunard percussionista e drag queen gay con l'AIDS;
- Colline, un filosofo è Tom Collins, un professore gay, filosofo e anarchico con l'AIDS;
- Benoit, un affittuario Benjamin 'Benny' Coffin III, l'affittuario del loft in cui si svolge la storia ed ex-coinquilino di Roger, Mark, Collins e Maureen.
Rent non è solo una ripresa della Bohème ma anche un opera autobiografica, Larson infatti incorporò alcuni elementi della sua vita. Egli visse a New York per diversi anni come un artista squattrinato e con un futurdalle condizioni precarie e incerte, come i suoi personaggi, ha quindi provato condizioni di povertà. Inoltre l’intreccio tra Maureen e Mark che viene scaricato dalla ragazza per Joanne è un fatto realmente accaduto all’autore.
Il musical venne rappresentato per la prima volta in una piccola tournèe di tre settimane al New York Theatre Workshop nel 1994. Lo stesso teatro off-Broadway in cui debuttò ufficialmente il musical il 25 gennaio 1996. L'autore dello show, Jonathan Larson, morì il giorno prima della premierei causa di un aneurisma celebrale non potendo assistere al grande successo che di lì a poco avrebbe creato la sua opera. Nel 1996 il musical vinse il Premio Pulitzer e si spostò al "Nederlander Theatre" a Broadway il 29 aprile 1996, qui Rent riscosse enorme successo anche tra i critici e vinse quattro Tony Award come Miglior Musical, Miglior Libretto, Miglior Composizione Originale e Miglior Performance di un Attore Non Protagonista in un Musical, oltre ad altri premi tra cui sei Drama Desk Award, due Theater World Award e tre Obie Award.
La produzione chiuse il 7 settembre 2008, dopo 5.124 performance e 12 anni in cartellone (l'ottavo musical più longevo nella storia di Broadway). Nel 2005 venne fatta la versione cinematografica, con la regia di Chris Columbus, in cui sei degli otto protagonisti della produzione teatrale ripresero il proprio ruolo.

 

 

Share